Com’è andata “Quale sanità per il nostro territorio?”

A Vallefoglia, il M5S protagonista ma non l’attore, la ribalta per chi vuole informare, operatori del settore, medici, e altri contributi hanno reso la serata molto interessante.

IMG-20141212-WA0012 (1)

C’era anche una giornalista della carta stampata ma tutto tace. A chi non piace?

Sono state due ore e mezza piene di testimonianze utili a comprendere lo scenario e i mutamenti che attualmente sono la realtà della nostra sanità.

Molto interessanti i dati sugli studi di fattibilità dell’ospedale unico presentati da Fernanda Marotti del comitato “La salute ci riguarda“, che ha già avuto ripercussioni soprattutto per quanto riguarda le zone più interne della provincia. Il M5S come sempre si è visto promotore e tramite di una iniziativa atta ad informare i cittadini, senza assumere una posizione che qualcuno potrebbe strumentalizzare e chiamare ideologica…

Abbiamo ascoltato anche interlocutori di altre forze politiche, che hanno fornito alcune delucidazioni riguardo al progetto per la costruzione del nuovo polo sanitario di Montecchio che a più riprese è stato riesumato durante ogni campagna elettorale da parte del PD.

In qualità di organizzatori della serata, riteniamo che la politica, quella vicina ai cittadini, possa fare da interlocutore tra le istituzioni e i cittadini stessi, e soprattutto tra i cittadini e le istituzioni.

Certo che dati alla mano e testimonianze al seguito non possiamo che mostrarci preoccupati per la creazione di un ospedale unico dettata da certi presupposti, quali il project financing.

Di seguito l’articolo tratto dall’edizione del 18/12/2014 de “Il Resto del Carlino”

sanità-M5S-vallefoglia-resto-del-carlino

Lascia un commento