Archivi categoria: democrazia partecipata

Il Comune di Vallefoglia ed il baratto amministrativo. Respinto!

baratto amministrativo respinto
Volere è potere. Non ci stancheremo mai di dirlo, semplicemente perché ci crediamo profondamente e non solo a parole. NESSUNO DEVE RIMANERE INDIETRO.
Da opposizione stiamo continuamente facendo proposte che siano utili alla comunità ed in special modo a chi sta vivendo un momento difficile.

A livello europeo, nazionale e presto regionale, stiamo esercitando un’enorme pressione affinché venga introdotto anche in Italia il reddito di cittadinanza.
Ricordiamo che in Europa siamo soli assieme alla Grecia a non avere uno strumento di questo tipo.
A livello comunale abbiamo invece presentato una mozione affinché venisse introdotto il “baratto amministrativo”. Il nostro territorio è in moltissime zone trascurato; erbaccia, piccoli rifiuti sparsi per strada, parchi giochi danneggiati e tanti altri problemi che potrebbero essere risolti con semplici ma efficaci interventi che richiedono buona volontà e poco altro. Perché non barattare questi servizi con alcune imposte che comunque alcuni cittadini farebbero difficoltà a pagare al Comune?
Questa pratica è in essere nel vicino comune di Montelabbate, dove non s’inaugurano spogliatoi o rotatorie per poi inviare un comunicato stampa con tanto di foto. A Montelabbate si sta costruendo nei fatti un modo di vivere la comunità con gli occhi di chi sta attraversando la crisi abbandonato a sé stesso.
La giunta guidata da Cinzia Ferri ha difatti approvato lo scorso novembre il “REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI – APPROVAZIONE” che ritrovate qui di seguito.

LINK:  REGOLAMENTO CITTADINI ATTIVI

Tra le tante azioni vi segnaliamo quella riportata all’articolo 4 comma 7 che recita:

“Il Comune ammette altresì la partecipazione dei cittadini attivi ad interventi di cura o di rigenerazione, concedendo riduzioni o esenzioni sul pagamento di tributi, imposte, tasse ed entrate comunali, nel rispetto di leggi e regolamenti. Tale facoltà è ammessa anche come compensazione di tributi, imposte, tasse ed entrate comunali non ancora versati, purché la proposta venga avanzata dai cittadini attivi entro 60 giorni dalla data di scadenza del versamento.”

Martedì a Vallefoglia invece la maggioranza ha BOCCIATO questa nostra proposta di buon senso, costringendo quei cittadini che fanno fatica a pagare l’enorme quantità di tasse che ci “regala” Renzi ed il Partito Democratico, a dover fare delle scelte dolorose per le proprie famiglie.

Non è questa la Vallefoglia che vogliamo e quando la governeremo lo dimostreremo con i fatti.

Movimento 5 Stelle Vallefoglia

per ulteriori approfondimenti: http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2015-07-15/tasse-e-arretrati-comunali-pago-pulendo-strade-mia-citta-185606